L’attenzione particolare del candidato sindaco Damilano al mondo del volontariato

  Si avvicina il bivio del  17-18 ottobre  per Torino. 

Anche il mondo del volontariato  si domanda chi scegliere tra  i due candidati. 

  L’attenzione  pre – elettorale a questo bacino di voti  è ben nota, ma poi chi dirige l’orchestra è sempre stato il Comune e le Associazioni dei cittadini sono state massacrate di burocrazia perché sostanzialmente non ci si fida!

 Vogliamo sperimentare in concreto la via del principio di sussidiarietà! Cioè vogliamo dare fiducia alle Associazioni  che da tanti anni  si spendono per la parte più fragile della Città.

Nel programma del candidato Paolo Damilano c’è infatti una attenzione particolare al Volontariato che in questi anni ha supplito alla incapacità del Comune di raggiungere i cittadini più in difficoltà. 

Gli aiuti che il Comune distribuisce alla cieca possono più facilmente raggiungere le persone fragili tramite le Associazioni di volontariato che da decenni operano in Città  ove  si distingue il silenzioso impegno  di tantissime donne.

Per cominciare  nei primi 100 giorni, Paolo Damilano  avvierà  le procedure  per assicurare a tutti i volontari  una tessera per fruire gratuitamente dei mezzi pubblici GTT per donare il loro tempo e il loro servizio a favore della Città.

Parallelamente verrà accolta anche la proposta (inascoltata) del Forum delle Associazioni familiari del Piemonte  che venne proposta alla Giunta Chiamparino: libera circolazione sui mezzi pubblici GTT delle donne in attesa di un figlio, cioè un piccolo gesto  di attenzione  per chi ha speranza in questa Città e  vuole fare Torino Bellissima!!

Infine le Associazioni di volontariato che assicurano servizi ai cittadini  da tanti  anni avranno canali semplificati per accedere alle risorse comunali.

                                                       Valter Boero (Pdf-Torino)

 181 totale visite,  3 visite di oggi