Torino: EDUCARE ALLA RESPONSABILITA’

“I Consultori non diventino distributori automatici”

«Una decisione ideologica, che sarà pagata da tutti i piemontesi e che non risolverà il problema dell’aborto»: questo hanno dichiarato Maurizio Schininà e Fabrizio Clari, Coordinatori regionali del Popolo della Famiglia, commentando la delibera del Consiglio regionale che intende promuovere nei Consultori familiari l’accesso facilitato alla contraccezione, gratis per le donne sotto i 26 anni e quindi anche per le minorenni.

«Ci rifiutiamo anche solo di pensare – hanno continuato i Coordinatori – che i Consultori familiari, nati per favorire la tutela della donna e la procreazione responsabile, vengano di fatto trasformati in distributori di anticoncezionali; la prevenzione dell’aborto non si realizza diffondendo una mentalità contraccettiva, ma mostrando la bellezza di una sessualità che, all’interno di una coppia stabile, esprima la gioia di una condivisione profonda passando attraverso la conoscenza dei ritmi di fertilità e delle modalità per poterli gestire liberamente e responsabilmente.»

«Auspichiamo – hanno concluso Schininà e Clari– che il Consiglio regionale renda piuttosto tutti i Consultori, attraverso il potenziamento delle risorse umane ed economiche a loro disposizione, veri punti di promozione di una sessualità consapevole e rispettosa della salute sessuale e riproduttiva.

Solo così si potrà realizzare pienamente quando indicato già nel 1975 dalla stessa legge che ne regolava l’istituzione, che invitava a favorire una “procreazione responsabile nel rispetto delle convinzioni etiche e dell’integrità fisica degli utenti”».

 118 totale visite,  3 visite di oggi